Pubblicazioni e mostre

M’impiego ma non mi spezzo.
Uffici e impiegati.
Fotografie 1900 – 2000

A cura di Cesare Colombo

Una testimonianza fotografica, “divertente e divertita”, sul mondo degli uffici e degli impiegati.
località: Milano 19-07-2001 Arengario – Palazzo Reale.

Ideata da Lorenzo Vitalone e Claudio A. Colombo, Prodotta da Gialloverde Associazione,
Allestimento Nicola Marras. Organizzazione Lorenzo Vitalone, Alessia Zanti.
Certificazioni Studio Zanti

“Due sedie vuote, due scrivanie ordinate, due ombre accigliate proiettate sul muro, quasi da monito, come sorveglianti silenziosi e minacciosi sul lavoro del dipendente di turno.
L’artificio fotografico di enormi cassetti di un massiccio archivio che arriva fino al soffitto, con il senso di impotenza della segretaria verso un lavoro sempre più incombente.
Un impiegato tuttofare colto in piedi, sul tavolo di lavoro, con la cornetta del telefono all’orecchio, il filo tirato al massimo, e un martello in mano.
Quattro facce che fanno capolino da altrettanti uffici a incastro che si affacciano su un corridoio neutro di un’anonima azienda italiana.
Persone in carne ed ossa e arredamenti, capi di abbigliamento, capi-ufficio e strumenti di lavoro.
Storie di vita in presa diretta e allusioni d’autore cifrate dietro l’obbiettivo.
Si parla di impiegati, di quel popolo sommesso e distaccato che solitamente fa capo a due luoghi comuni: la coda allo sportello e Fantozzi.
Di questo mondo, il mondo dei travet ottocenteschi, delle mezze maniche di metà 900, dei colletti bianchi del boom economico, di questo mondo inesplorato, con la forza evocatrice di oltre 200 immagini che si snodano lungo un secolo di storia sociale italiana, di tutti lo parla M’impiego ma non mi spezzo, la prima grande mostra antologica italiana su uffici e impiegati, arredi e segretarie”.

“L’affettuoso percorso intorno al mondo di quelle che una volta erano le ‘mezze maniche’ costituisce, in fondo, la celebrazione di una vittoria, della vittoria di quelli che furono gli impiegati e che oggi chiamiamogli addetti del terziario.
Sono ormai essi a costituire il nerbo della forza lavoro delle nostre economie, trasformatesi impetuosamente da industriali a post industriali.
Questa trasformazione, di cui Milano è stata protagonista, ha comportato un ribaltamento dell’atteggiamento stesso verso il lavoro, la rottura dei tradizionali rapporti di classe, la creazione di una nuova borghesia che nella propria occupazione cerca un’occasione di affermazione e quindi esprime una nuova dignità dei lavoro.
Questa mostra testimonia un mondo remoto immortalato in pagine indimenticabili da grandi autori dell’Ottocento e del Novecento, ancorato a ritmi e valori che non ci sono più, espressioni di una società gerarchizzata che lasciava poco spazio alla personalità del singolo.
Riproporne le immagini significa testimoniare come il funzionamento di una società libera e democratica abbia in sé germi inarrestabili del cambiamento e dell’innalzamento sociale.”
Di Salvatore Carrubba Assessore Cultura e Musei

 

M’impiego qui Bolzano – Alto Adige
Trevi Centro Culturale
Il reportage gi Hannes Schick è ospitato nell’ambito della mostra.
Hannes Schick


località: Bolzano 08-05-2003 TREVI centro culturale.
Ideata da Associazione Gialloverde, Allestimento Alessia Zanti

Ideata dall’associazione “Gialloverde” di Milano, la mostra itinerante “M’impiego ma non mi spezzo”, che documenta il mondo impiegatizio dalla fine del 1800 al 2000, ha riscosso grande successo a livello nazionale.
La rassegna raccoglie immagini fotografiche della classe impiegatizia provenienti da archivi aziendali, collezioni di enti pubblici e privati e dai maggiori archivi fotografici italiani.

A Bolzano l’esposizione comprenderà una selezione di immagini della mostra itinerante corredata da un reportage locale sul mondo impiegatizio altoatesino realizzato da Hannes Schick su incarico dell’assessorato provinciale alla cultura italiana. Di origini altoatesine Schick vive a Milano, dove fa il fotoreporter freelance per i settimanali più noti.

Pur mantenendo lo spirito della mostra “principale”, la sezione dedicata all’Alto Adige, che reca il titolo “M’impiego qui. Bolzano. Alto Adige”, acquista un’importanza particolare, soprattutto perché è l’unica indagine locale realizzata sul “mondo” impiegatizio locale.

 

Rivista ACTIVA
ACTIVA 23 Aprile 2007
“SAI SE CI SEI” edizione per il salone del mobile 2007


località: Milano 23 Aprile 2007 – salone del Mobile